Flash ultime 24 ore:
 
 
13 settembre 2017 

Mit presenta piano integrato quadrante Nord Ovest Roma

Un’opera di coordinamento realizzata con la collaborazione delle grandi realtą del territorio

La Direzione Generale per lo sviluppo del territorio, la programmazione e i progetti internazionali del Mit ha approvato con un decreto il "Piano Integrato di sviluppo sostenibile delle infrastrutture del Quadrante Nord Ovest dell'Area Romana". Nella prospettiva di creare una mobilitą alternativa lungo la capitale e soprattutto per i collegamenti fra il nord e il sud dell’Italia, attraverso l'Aeroporto intercontinentale Leonardo Da Vinci e il Porto commerciale di Civitavecchia, il Piano riguarderą nello specifico i territori circostanti la Civitavecchia-Orte, il Gra, la Pontina, oltre alla zona dei Castelli romani e della costa. Lo scopo č quello di meglio coordinare e assicurare la sinergia fra le diverse iniziative e i diversi enti.

"Il Piano - ha dichiarato il vice ministro dei Trasporti Riccardo Nencini - non vuole sostituirsi ai diversi livelli di governo nell'adempimento delle competenze pianificatorie ad essi attribuite, quanto invece coordinarne le scelte e le azioni. Un’area come questa, che ha una forte valenza strategica per lo sviluppo economico dell'intero paese - ha continuato Nencini - necessita una risposta in termini infrastrutturali di sistema. Oltre a dover superare la frammentazione tra i vari enti nell'ambito della programmazione del settore, attraverso il coordinamento e la collaborazione fra istituzioni e partenariato economico per definire una strategia all'interno di un sistema territoriale costituito da infrastrutture portuali e aeroportuali, grandi attrattori di traffico e le relative connessioni ai corridoi multimodali della rete di trasporto. Il Piano nasce da una importante opera di coordinamento che gli uffici del Ministero hanno operato coinvolgendo direttamente, grazie al supporto di Unindustria, le grandi realtą che sul territorio gestiscono le reti infrastrutturali di livello nazionale come ADR, Anas, Autostostrade per l'Italia, Rfi e Autoritą di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale e dopo un confronto con la Regione Lazio, l'Enac e Roma Servizi per la Mobilitą e sarą sottoposto alla Procedura di Valutazione Ambientale e Strategica, con il coinvolgimento degli Enti locali ed altre importanti realtą del territorio".

Il presidente della sezione Infrastrutture di Unindustria Gennarino Tozzi, dopo aver ringraziato il Mit e gli enti che hanno partecipato all’estensione dell’Anas, ha sottolineato la sua "soddisfazione per l'importante passo in avanti nella costruzione di quel necessario quadro di pianificazione territoriale di area vasta chiaro e condiviso che č la condizione essenziale per garantire la sostenibilitą anche ambientale delle singole opere infrastrutturali che il territorio necessita". Il Piano ha lo scopo di indirizzare e rendere efficiente la viabilitą al massimo delle sue potenzialitą lungo le aree che circondano la capitale.

E.F.