Flash ultime 24 ore:
 
 
05 aprile 2018 

Arriva il Telepass Europeo

Sarà possibile pagare con lo stesso metodo le autostrade di Italia, Francia, Spagna e Portogallo

Da oggi in avanti si potrà viaggiare più liberamente con il Telepass. E’ il risultato dell’accordo raggiunto fra Telepass, società del gruppo Atlantia, il gruppo francese APRR/AREA e la spagnola Pagatelia. In questo modo, i clienti italiani di Telepass potranno circolare liberamente sulla rete autostradale italiana, francese, spagnola e portoghese usando lo stesso metodo di pagamento. In questo modo, il Telepass Europeo si affianca a quello già presente per  i mezzi pesanti (Telepass Eu) e già in vigore da oltre un anno in Francia, Spagna, Portogallo, Italia, Belgio, Polonia e Austria. E non basta, perché sempre con Telepass Europeo sarà possibile pagare anche i parcheggi nelle città dei Paesi coperti dal servizio: alle principali città italiane come Milano, Roma, Torino, Firenze e Napoli si aggiungono 400 parcheggi in città europee tra cui Parigi, Madrid e Barcellona.

Come accedervi e quanto costa

Piuttosto facile il metodo di accesso per usufruire del nuovo servizio. Per chi ha già un telepass, basterà attraverso un Punto Blu della rete autostradale richiedere l’estensione e ottenere il nuovo dispositivo. Per chi invece è nuovo cliente, occorre sottoscrivere un contratto Telepass Family e contestualmente all'attivazione del nuovo servizio richiedere il dispositivo europeo (interoperabile). Successivamente sarà possibile attivare Telepass Europeo anche dal sito www.telepass.com.

Calibrati sull’uso anche i costi. Il servizio infatti è del tipo pay per use, con un costo di attivazione di 6 euro e un canone aggiuntivo di 2,40 euro, solo nei mesi in cui viene varcata la frontiera. L'importo del pedaggio estero sarà fatturato e addebitato sul proprio conto corrente insieme al pedaggio italiano e con le stesse modalità.

I commenti

“Siamo orgogliosi - ha dichiarato Gabriele Benedetto, amministratore delegato di Telepass - di presentare questa importante novità per i veicoli leggeri, che consente per la prima volta in Europa, di viaggiare con un unico dispositivo in 4 Paesi”. Benedetto ha poi aggiunto che Telepass Europeo “è un'ulteriore dimostrazione che la nostra strategia è sempre più orientata ad offrire nuovi servizi ai nostri clienti e ad assisterli nei loro viaggi in tutta Europa”. In una nota Telepass fa notare di essere “la sola società in grado di offrire il servizio di telepedaggiamento completo in ogni processo”. Attualmente i clienti sono 6,2 milioni in Italia e in Europa, di cui oltre 400.000 mezzi pesanti equipaggiati con dispositivi italiani e 140.000 che dispongono del servizio di pagamento del pedaggio all'estero.

L'Ad di Atlantia Giovanni Castellucci ha invece sottolineato di aspettarsi “con l'operazione Abertis un'ulteriore accelerazione della crescita nei sistemi di pedaggiamento e servizi associati ed un rafforzamento della nostra leadership”.

Andrea Zaghi