Flash ultime 24 ore:
 
 
06 giugno 2018 

Bilancio Ue: Commissione propone investimenti 42,3 mld infrastrutture

Rinnovare il "meccanismo per collegare l'Europa", con 42,3 miliardi di euro a sostegno di investimenti nelle reti infrastrutturali europee per i settori dei trasporti (30,6 miliardi), dell'energia (8,7 miliardi) e del digitale (3 miliardi di ). E' la proposta della Commissione europea nel quadro del nuovo bilancio a lungo termine dell'UE 2021-2027

Nel quadro del nuovo bilancio a  lungo termine dell'UE 2021-2027 la Commissione europea propone di rinnovare il "meccanismo per collegare l'Europa", con 42,3 miliardi di euro a sostegno di investimenti nelle reti infrastrutturali europee per i settori dei trasporti (30,6  miliardi di euro), dell'energia (8,7 miliardi di euro) e del  digitale (3 miliardi di euro). "Questo aumento del  47% rispetto al periodo 2014-2020 dimostra l'impegno dell'UE a favore di un'Unione ben collegata e integrata in cui i cittadini e le imprese possono beneficiare appieno della  libera circolazione e del mercato unico - spiega la Commissione in una nota -.

Per il periodo 2021-2027, si propone di rafforzare la dimensione ambientale del meccanismo per collegare l'Europa. L'obiettivo finale è che contribuisca per il 60% della sua  dotazione agli obiettivi in materia di clima. Ciò permetterà di  consolidare l'Unione dell'energia, mantenere gli impegni assunti  dall'UE nel quadro dell'accordo di Parigi e rafforzare la leadership mondiale dell'Europa nella lotta ai cambiamenti  climatici".

Per Maros Sefcovic, vicepresidente responsabile per l'Unione  dell'energia, "dopo l'accordo di Parigi è divenuto urgente creare collegamenti tra più settori. Il nuovo meccanismo per collegare  l'Europa si impegnerà a creare sinergie ancora più forti tra i  settori dei trasporti, dell'energia e del digitale per  ottenere il  massimo impatto dalla transizione energetica. Grazie a una  maggiore dotazione finanziaria e alle possibilità di abbinamento  con altri strumenti, esso permetterà all'Europa di restare  all'avanguardia mondiale in progetti innovativi come le reti  intelligenti e lo stoccaggio dell'energia".  

Secondo Miguel Arias Cañete, commissario per l'Azione per il clima e l'energia, "questa proposta servirà a potenziare le infrastrutture che servono per la transizione verso l'energia  pulita e ci aiuterà a raggiungere i nostri ambiziosi obiettivi  climatici ed energetici per il 2030. Il nuovo programma ci  permetterà inoltre di completare progetti strategici essenziali  per una vera e propria Unione dell'energia, come la  sincronizzazione della regione baltica con la rete elettrica   europea".

"Quello dei trasporti è un settore in cui l'UE apporta vantaggi  concreti ai suoi cittadini, e oggi proponiamo una dotazione  finanziaria senza precedenti per migliorare la mobilità su tutto  il continente. Vogliamo che gli europei viaggino sulla rete più  moderna, sicura, pulita e connessa del mondo. Lo meritano  assolutamente", evidenzia Violeta Bulc, commissaria per i  Trasporti.

 Bilancio dell'UE: maggiori finanziamenti a investimenti per collegare i cittadini europei con infrastrutture ad alte prestazioni