Flash ultime 24 ore:
 
 
07 giugno 2018 

La Regione Veneto acquisisce Veneto Strade il 41,42%

La Regione ora possiede il 71,42% della società. Previsto un possibile ingresso di Anas in aumento di capitale

La Regione Veneto ha acquisito il 41,42 % del capitale sociale di Veneto Strade. La firma è avvenuta oggi nel corso di un atto notarile che permette alla regione di detenere una partecipazione del 71,42% della società. A renderlo noto il vicepresidente della giunta regionale, Gianluca Forcolin che ha fra le sue deleghe anche le partecipazioni societarie, ricordando che tutto parte dall'art. 1 del collegato alla legge regionale di stabilità 2018 che autorizza a procedere in tal senso al fine di avere il controllo della società.

''Per effetto di questa operazione – sottolinea Forcolin - la Regione diventa il socio di controllo di Veneto Strade e può finalmente iniziare il percorso di riorganizzazione societaria, insieme al socio attuale, la Provincia di Belluno e, in futuro, ad Anas, così come sancito nel protocollo di intesa firmato il 23 febbraio scorso che prevede il possibile ingresso di Anas in aumento di capitale, una volta che sarà dato riscontro a tutte le condizioni poste a base dell'intesa''. ''L'operazione – continua il vicepresidente della giunta regionale - fa finalmente chiarezza a livello societario, spostando il baricentro della governance verso la Regione Veneto e i soggetti che erogano i trasferimenti necessari al finanziamento delle spese di gestione delle strade venete non a pedaggio''.

A cedere la propria partecipazione societaria sono sostanzialmente le province della regione: la Provincia di Belluno (che cede un 5%, ma rimane socia con il 2,14%), la Provincia di Verona (7,14%), la Provincia di Rovigo (7,14%), la Provincia di Vicenza (7,14 %), oltre alla A4 Holding, le Autostrade per l'Italia ed le Autovie Venete, che cedono tutte il 5%. Nelle prossime settimane la Società delle Autostrade Serenissima potrebbe cedere anche lei un 5%.

E.F.