13 settembre 2018 

Aipcr 2019, Anas presenta due best practice ad Abu Dhabi

Al prossimo Congresso mondiale dell’Associazione Mondiale della Strada, che si terrà nell’ottobre del 2019 ad Abu Dhabi, l’Aipcr italiano ha selezionato due progetti Anas,‘Smart Roads’ e ‘Ricostruzione post terremoto’.

L’Aipcr italiano ha selezionato due progetti Anas,‘Smart Roads’ e ‘Ricostruzione post terremoto’, che saranno presentati al Congresso mondiale dell’Associazione Mondiale della Strada che si terrà nell’ottobre del 2019 ad Abu Dhabi.

Si tratta di due best practice di Anas e, in particolare: come rapporto nazionale il Comitato italiano di AIPCR presenterà l’abstract intitolato “Smart roads in Anas SpA le strade nazionali corrono in Italia con il progresso tecnologico” mentre come abstract tecnico, sarà proposto "Gli eventi sismici nel centro Italia nel 2016-2017 e gli interventi di viabilità", tematiche in cui Anas si è particolarmente distinta per impegno e professionalità. Nello specifico, l’abstract tecnico riguarderà gli interventi messi in atto dopo il terremoto che ha colpito l’Italia centrale nel 2016. L'impegno di Anas S.p.A. è costituito da 1195 interventi e 135 nuovi progetti per un valore complessivo di 767 milioni di euro. Gli interventi relativi alle aree geografiche colpite dal sisma si estendono su circa 7.600 kmq e coinvolgono 131 comuni di 9 Province e 4 Regioni. La rete stradale percorsa è di circa 15.300 km, di cui 11.000 km di competenza comunale in un territorio con una presenza di oltre 1770 comuni/centri urbani.

Il Rapporto Nazionale verterà invece sulle smart road Anas. Secondo la visione di Anas, la Smart Road è una strada in grado di dialogare con gli utenti e con la propria rete. Permette, attraverso i sistemi di connettività in movimento, di aumentare anche la capacità di servizio dell'infrastruttura stradale. Inoltre, le nuove arterie stradali gestite da Anas avranno una maggiore qualità "verde" in quanto saranno dotate di vie di comunicazione dati ed energia, completamente integrate nella rete intermodale di trasporto e informazione.

L’investimento complessivo del programma Smart Road di Anas è di un miliardo di euro e sarà messo in atto in tre step, con una prima fase che sarà realizzata nei prossimi tre anni con un investimento di circa 250 milioni euro, anche grazie a contributi europei (nell’ambito del Programma Operativo PON Infrastrutture e Reti 2014-2020 del Ministero delle infrastrutture e dei Trasporti (www.ponir.mit.gov.it). La prima fase riguarda alcuni dei più importanti nodi stradali del Paese: le autostrade A90 ‘Grande Raccordo Anulare di Roma’, A91 ‘Autostrada Roma-Aeroporto di Fiumicino’ (dove i lavori saranno avviati entro il 2018), la A2 ‘Autostrada del Mediterraneo’ (avvio lavori entro settembre 2018), l’itinerario E45-E55 ‘Orte-Mestre’, la statale 51 “di Alemagna” e, in Sicilia la Tangenziale di Catania e la A19 ‘Autostrada Palermo Catania’.