Flash ultime 24 ore:
 
 
Roma, 26 giugno 2012  

Infrastrutture, Ciaccia: Bene proposta nomina 4 Commissari di corridoio

Per Porti valutare istituzione quattro Autorità

Roma, 26 giugno 2012 - Va nella giusta direzione la nomina di quattro commissari per la realizzazione delle opere sui quattro grandi corridoi europei che attraversano l'Italia: il corridoio 1 Baltico- Adriatico, il corridoio 3 Mediterraneo, il 5 Helsinki-La Valletta e il 6 Genova-Rotterdam. A promuovere la proposta contenuta del documento, presentato oggi dalle associazioni Respublica e Italiadecide ed elaborato insieme ai maggiori operatori di trasporti, sul tema ''Misure per ridurre il tempo verso la crescita'', e' il viceministro alle Infrastrutture, Mario Ciaccia.

La proposta avanzata con il documento consiste, dunque, ha spiegato Ciaccia nel suo intervento, nella creazione di 4 commissari di corridoio che ''assorbirebbero le funzioni dei commissari delle opere comprese nel corridoio e assumerebbero la responsabilita' del completamento delle opere in corso sull'intera porzione italiana di corridoio, in raccordo con il Commissario europeo di riferimento''. ''Il commissario di corridoio, che andrebbe nominato con dpcm, d'intesa con le Regioni interessate, eserciterebbe - ha detto Ciaccia - le funzioni di vigilanza, monitoraggio, controllo, coordinamento delle attivita' amministrative, accesso alla documentazione su tutte le opere programmate ai fini della funzionalita' del corridoio, avvalendosi del supporto delle strutture tecniche del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e dell'ausilio del Consiglio Superiore dei Lavori pubblici; sarebbe dotato di poteri sostitutivi in caso di inerzia delle amministrazioni competenti oltre che del potere di proposta di revoca dei finanziamenti''.

Si tratta di una ''proposta interessante e suggestiva, a patto che - ha evidenziato Ciaccia- sia veramente rivolta ad una maggiore funzionalita' del corridoio, attraverso un'opera di fattiva collaborazione da parte dei Commissari, rivolta veramente verso una concreta attuazione degli interventi programmati''. Ma c'e' anche un'altra proposta che, secondo il viceministro alle Infrastrutture, merita ''un'attenta riflessione'' e riguarda, nello specifico, il sistema portuale. Proposta che prevede ''l'istituzione di quattro Autorita' Portuali aggregate con competenza unificata sui principali range collegati ai corridoi europei (Alto Tirreno, Alto Adriatico, Medio Tirreno, Porti pugliesi), al fine di conferire maggiore competitivita' al sistema e di conferire una piu' efficace azione di acquisizione dei traffici''. ''Dobbiamo, pertanto, approfondire rapidamente i temi in questione.

Se non lo facciamo e non troviamo le migliori soluzioni per uscire da una visione localistica abbiamo perso. Il tempo e' scaduto - ha ammonito Ciaccia - e la crescita che abbiamo davanti alla nostra portata ce la troveremo alle spalle. Ma sono certo che insieme sapremo restituire al nostro Paese la centralita' e la strategicita' della sua posizione geografica''.