Flash ultime 24 ore:
 
 
Roma, 2 ottobre 2012  

Infrastrutture: F2I, al via secondo fondo con dotazione 575 mln

Roma, 2 ottobre 2012 - Parte il secondo Fondo F2i, con 575 milioni di euro di dotazione iniziale. "Dopo meno di quattro anni dall'avvio del periodo di investimento del Primo Fondo", spiega una nota, "F2i SGR ha lanciato il Secondo Fondo F2i, destinato a proseguire la strategia di investimento nei principali settori infrastrutturali italiani". Oggi a Milano c'č stato il primo closing del Fondo F2i. Il Primo Fondo F2i era stato lanciato nel 2007 dalle principali istituzioni finanziarie del Paese, tra cui la Cassa Depositi e Prestiti, Intesa Sanpaolo, Unicredit, alcune tra le principali Fondazioni bancarie e due Casse previdenziali.

Il Primo Fondo aveva raggiunto, nel febbraio 2009, la dotazione complessiva di 1.852 milioni di euro. Dopo meno di quattro anni, il Primo Fondo ha gią impegnato oltre 1.650 milioni, investendo in otto aziende, in settori infrastrutturali chiave quali la distribuzione del gas, gli aeroporti, i servizi idrici, la fibra ottica, le energie rinnovabili e le autostrade. La strategia di F2i consiste nel creare campioni nazionali nelle reti o network di operatori infrastrutturali, nell'ottica di garantire servizi sicuri per gli utenti e di promuovere efficienza, sviluppo, investimenti e managerialitą nelle aziende (nel 2011, le aziende di F2i hanno reimpiegato in investimenti piu' del 90% del proprio ebitda). I tempi erano dunque maturi per il lancio di un Secondo Fondo F2i, che continuerą la strategia di investimento del Primo.

Il Secondo Fondo F2i proseguirą infatti il processo di aggregazione e consolidamento nei settori individuati, puntando anche all'ingresso in altri importanti comparti delle infrastrutture italiane. Il Secondo Fondo F2i ha un target di collocamento di 1,2 miliardi e si presenta con caratteristiche analoghe al primo: durata quindici anni e un periodo di investimento di quattro anni dal termine ultimo per la sottoscrizione delle quote del fondo. Il primo closing (che aveva come obiettivo minimo di raccogliere 500 milioni),tenutosi oggi a Milano, ha visto la sottoscrizione di una prima tranche di 575 milioni da parte di alcuni dei soci "storici" della F2i SGR: Cassa Depositi e Prestiti, Intesa Sanpaolo,Unicredit, Fondazione Cariplo, Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, Cassa Geometri e Inarcassa. Hanno inoltre partecipato, sottoscrivendo quote del Fondo ed entrando nell'azionariato della F2i SGR, Compagnia di San Paolo, Ente Carifirenze e la Fondazione Banco di Sardegna. Dopo questo primo closing, il processo di collocamento proseguirą presso investitori istituzionali in Italia e si estenderą anche all'estero, con l'obiettivo di raggiungere il target complessivo di 1,2 miliardi (entro i 24 mesi previsti dalle norme che regolano il settore). Il lancio del Secondo Fondo F2i conferma la vitalitą del Sistema Italia e la disponibilitą, da parte delle maggiori istituzioni finanziarie italiane, a supportare progetti che puntano a consolidare, ammodernare e sviluppare il sistema infrastrutturale del Paese.

 Infrastrutture: F2I approva la costituzione di un secondo fondo