Flash ultime 24 ore:
 
 
08 novembre 2018 

Fs: insieme con Cip per persone a ridotta mobilità

Favorire la piena accessibilità alle persone con disabilità nelle stazioni ferroviarie, a bordo treno e nelle attività sportive. Questo il principale obiettivo della collaborazione avviata dal Comitato Italiano Paralimpico e Fs Italiane

Favorire la piena accessibilità alle persone a ridotta mobilità e con disabilità nelle stazioni  ferroviarie, a bordo treno e nelle attività sportive attraverso campagne di comunicazione e informazione dedicate. Questo il  principale obiettivo della collaborazione avviata dal Comitato  Italiano Paralimpico (Cip) e Fs Italiane attraverso il Protocollo  d'Intesa sottoscritto oggi a Roma, in occasione della presentazione  del Festival della Cultura paralimpica, da Luca Pancalli presidente  Cip e Gianfranco Battisti amministratore delegato e direttore generale del gruppo Fs Italiane.

Le attività del Comitato Italiano Paralimpico, insieme alle Entità  Sportive Paralimpiche del CIP, e del Gruppo FS Italiane, attraverso le principali società operative, avranno un unico scopo: favorire la  parità e l'uguaglianza nell'accesso ai servizi ferroviari e alle  pratiche sportive. Per questo motivo CIP e FS Italiane metteranno a  disposizione know-how e risorse per promuovere l'importanza  dell'attività sportiva anche per le persone a ridotta mobilità e con  disabilità e far conoscere le numerose opportunità offerte dallo sport paralimpico.

L'accordo è il proseguimento della collaborazione avviata nel 2017 in  occasione della presentazione degli ''Ambasciatori dello Sport  Paralimpico'' del CIP. Iniziativa, sostenuta da FS Italiane, che vede  gli atleti più rappresentativi del movimento paralimpico italiano  impegnati a promuovere nelle scuole, nelle Unità spinali ospedaliere e in altri contesti pubblici, lo sport come strumento di promozione  culturale e di integrazione sociale.

''Il Gruppo FS Italiane è orgoglioso del Protocollo sottoscritto con il Comitato Italiano Paralimpico - ha sottolineato Gianfranco Battisti - perché ci auguriamo che l'impegno e la forza di  volontà di queste persone sia da esempio per tutti noi, soprattutto nel saper credere in sé stessi e nel raggiungere i propri obiettivi seguendo sempre i veri valori della vita. Le nostre azioni non si  fermano al solo Protocollo. Siamo impegnati a migliorare l'accessibilità delle stazioni ferroviarie alzando i marciapiedi per facilitare l'entrata e l'uscita dai treni, installando ascensori e  percorsi tattili e abbiamo il circuito Sala Blu per l'assistenza alle persone a ridotta mobilità, anche temporanea, e con disabilità".

"Per quanto riguarda i nuovi treni regionali Rock e Pop, che entreranno in servizio a metà del prossimo anno, abbiamo cambiato prospettiva nella loro progettazione. Li abbiamo pensati e costruiti - ha detto Battisti - anche attorno alle esigenze delle persone con  disabilità e a ridotta mobilità grazie al prezioso contributo delle  Associazioni di riferimento''.

Dal 20 al 23 novembre alla stazione Roma Tiburtina, hub ferroviario frequentato ogni anno da circa 50 milioni di persone, si terrà il Festival della Cultura paralimpica: quattro giornate di dibattiti,  mostre, film, libri, storytelling, spettacoli, dedicati allo sport paralimpico e alla sua capacità di contagiare virtuosamente il costume e la società italiana. Inoltre, la Rai presenterà il 20 novembre,  giornata inaugurale, un documentario sulla storia del movimento italiano paralimpico con immagini e interviste inedite.