13 marzo 2019 

Febbraio positivo per il mercato dei veicoli commerciali

Ma le stime per tutto il 2019 virano al negativo

Non benissimo ad inizio d’anno, meglio nel secondo mese dello stesso. Il mercato italiano dei veicoli commerciali ha già fatto vedere un andamento altalenante. Lo dicono le stime elaborate dal Centro Studi e Statistiche dell'Unrae, l'associazione delle Case automobilistiche estere.

Stando ai numeri, in febbraio le immatricolazioni di autocarri con portata fino a 3,5 tonnellate sono state 15.053, in aumento del 4,3% rispetto a febbraio dello scorso anno. Il saldo per il periodo gennaio-febbraio si è fermato quindi ad un + 1,4%.

Il mercato - spiega in una nota l'Unrae - si è mantenuto in territorio positivo grazie alla “coda di immatricolazioni di veicoli ordinati entro il 31 dicembre 2018 che hanno, quindi, usufruito del Superammortamento”.

Ciò che preoccupa gli addetti ai lavori, è però lo scenario futuro che – ha spiegato Michele Crisci, presidente dell'Unrae - sarà caratterizzato da investimenti in contrazione, penalizzati dal confronto con periodi incentivati e dall'elevata incertezza che condiziona le scelte delle imprese, con consumi che rimarranno deboli”. Secondo gli operatori, in particolare, I benefici del Superammortamento “non potranno essere sostituiti dalla riduzione dell'aliquota Ires per gli utili reinvestiti in beni strumentali, introdotta dalla Legge di Bilancio”.

Detto questo, le stime per la fine dell’anno parlano di circa 168.000 unità vendute, in flessione del 7,6% e quasi 14.000 immatricolazioni in meno dell'intero 2018.

Andrea Zaghi